Ponte di Veja

Una delle formazioni geologiche più interessanti nel territorio della nostra provincia.

Il Ponte di Veja è il ponte naturale più grande d' Europa, ed è frutto dell'evoluzione naturale di una Grotta carsica, la cui parte posteriore è crollata ed è rimasta l'arcata della volta anteriore, ossia un ponte di roccia. E' collocato in una valletta a 602 m sul livello del mare, è alto 50 m e l'arco ha uno spessore di circa 10 m e una larghezza media di 17m. Questo unicum naturalistico ha restituito abbondanti tracce della frequentazione umana durante la preistoria del paleolitico inferiore, medio, superiore e dell'età del rame. Schegge di selce (roccia che veniva lavorata durante la preistoria per la creazione di lame taglienti e punte di armi da caccia) sono state trovate nei pressi del ponte e delle grotte adiacenti. Nei pressi del ponte vi sono 4 grotte: grotta dell'ocra, grotta dell'acqua, grotta del pastore e grotta dell'orso (lunga 170 metri), alcune di queste utilizzate in passato come riparo dalle intemperie e dal freddo. Il ponte di Veja è stato visitato, nel corso della storia da personaggi illustri: vuole infatti la tradizione che Dante Alighieri, nel descrivere le Malebolge dell'inferno, nella Divina Commedia si sia proprio ispirato al Ponte di Veja, così come Andrea Mantegna lo ha ritratto più volte nei suoi dipinti.

In questo sito potrai trovare informazioni utili per organizzare una vacanza o una escursione in una delle zone più belle d’Italia.

Paesaggi ricchi di storia e di interesse naturalistico si accompagnano ad una proposta enogastronomica e di accoglienza di primissima qualità.


Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2022 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it