Back

Incaffi: Monte Moscal

Descrizione

Il percorso inizia da Incaffi, un paesino sul Monte Moscal, nelle cui vicinanze scende la Val Sorda, una valle scavata nei depositi morenici che scende fino a Bardolino. Si parcheggia poco dopo il lavatoio da poco restaurato. Superati i lavatoi di Incaffi, alle prime case si prende la capezzagna che sale a sinistra tra le case e che in breve ci porta tra i boschi del Moscal. Salendo sulla sinistra si osserva, ben nascosta dalla vegetazione, uno degli ingressi della Base Militare della NATO (ora dismessa). La stradina sterrata è fiancheggiata a destra da un recinto che delimita la proprietà privata della Villa Sant’ Andrea. Dentro la proprietà si può osservare un cippo affiancato da una roccia, che probabilmente segnalava la stradina di accesso alla chiesa di San'Andrea,ora non più accessibile. Il bosco è un bosco termofilo, con presenze di carpino bianco e nero, roverella, cerri e castagni. Il sottobosco è quasi totalmente invaso da pungitopo. Giunti ad un cavallo (bocca del monte) si apre il panorama sulla piana di Affi. A destra si diparte, in discesa, una traccia che porta tra Affi e Albarè, ma noi teniamo la sinistra e saliamo in cima al Moscal, nel punto più alto, chiamato Osservatorio, per il bellissimo panorama che offre. Lo sguardo spazia a 360 gradi, dalla Val d'Adige al Lago di Garda; a sinistra il Monte Pastello e i forti della Val d'Adige, poi l'anfiteatro morenico di Rivoli e il torrente Tasso ches corre in mezzo alle zone industriali di Affi e Costermano. Di fronte il Baldo, il monte Creta e il monte Belpo. Le colline moreniche del Garda e i monti del bresciano (Pizzocolo, Cornone di Blumone, ...).
Lasciato l’osservatorio si scende da un sentiero sulla destra che oltrepassa dei prati, costeggia dall’alto una grande cava dismessa e raggiunge una sbarra. Si passa la sbarra e si raggiunge una contrada, conosciuta dal nome degli storici abitatori (Mascanzoni): lì si gode un panorama incantevole su colline moreniche e Lago di Garda (Rocca, Punta San Vigilio e monte Luppia). Ai Mascanzoni si prende la stradina asfaltata (a dx) che scende a Incaffi e che lascia, sulla sinistra, Ca' del Fer. Poco prima di raggiungere il punto di partenza, c'è l'ingresso della grande cava, aperta negli anni '50 e dismessa nel 1985.
 

Markers - Way point

Carpino bianco

Partenza Incaffi

Incaffi, inizio sentiero

Panoramica su Fracastoro

Cippo

La Bocca

Osservatorio

Sbarra

Ca' del Fer

Cava

Incaffi: Monte Moscal

Breve escursione da Incaffi (296) con notevoli panorami su Pastello, anfiteatro morenico di Rivoli, Monte Baldo e Lago di Garda

Come arrivare

Partenza da Incaffi, vicino al lavatoio. Per arrivare ad Incaffi salire in auto dalla piazza di Cavaion veronese.

2,5 ore

nessuna

sterrato asfaltato

tutto l'anno

Presente
Non viene effettuata la manutenzione
in parte CAI
a piedi 
  • thumb
    Cava di Incaffi vista dall'alto
  • thumb
    Cava di Incaffi
  • thumb
    Particolare di Incaffi
  • thumb
    Incaffi
  • thumb
    Monte Pastello
  • thumb
    Sullo sfondo il Naso di Napoleone
  • thumb
    Cava di Incaffi
  • thumb
    Panorama verso Albarè
  • thumb
    tramonto sul lago

Legenda simboli

albero monumentale Albero monumentale area archeologica Area di interesse archeologico bosco Bosco
casa / rifugio / centro abitato Casa / Rifugio / Centro abitato chiesa Chiesa cippo Cippo / Monumento
area di interesse geologico Area di interesse geologico incrocio Incrocio punto panoramico Punto panoramico
punto piu alto Punto più alto sul percorso segnavia Segnavia sorgente Sorgente
partenza estpartenza nordpartenza ovestpartenza sud Partenza verso...            

Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2017 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it