Back

Verona, Vaio Borago, Romitorio, Altobello, Calzarega, Avesa

Descrizione

Si parte dall’inizio della Val Borago, dove termina il sentiero europeo E5: si percorre un tratto di asfalto, alla nostra destra i rimasugli di vecchie cave, su in alto la grottona della Calzarega. Si arriva alla contrada Borago, dove si abbandona l’asfalto e si prosegue diritti per sterrato fino a che, in prossimità di una curva verso destra non diparte il sentiero che porta a Montecchio (2h). Lo si segue per tutta la lunghezza del Vajo Borago, camminando sul greto del progno passando varie formazioni di origine geologica. Giunti in prossimità di un’enorme camera, dopo 4 km circa si salgono, con attenzione, le tre rampe di scale sulla nostra sinistra. Si sale ancora, su gradoni fino a che non si intercetta una traccia che va verso sinistra (4,5 km). Si prende tale traccia, contrassegnata da un segno arancione fosforescente; a tratti molto pendente. Si sale, arrivando un po’ sotto il Romitorio (una costruzione posta a est del Masetto Basso) e intercettando un’altra traccia che diventa sempre più ampia. Si riesce a distinguere il Masetto Basso: si piega tutto a sinistra scendendo per un Vajetto, passando dei vecchi terrazzamenti. Nel fondo del Vajetto si tiene la destra e si sale il fianco nord est del Monte Tosato. Adesso il sentiero è ampio e alle successive biforcazioni si tiene sempre la sinistra, giungendo sulla dorsale del Monte Tosato, sul lato est. Qui si possono osservare le contrade poste sul versante orografico sinistro del Vajo Borago: da nord verso sud Costangrande, Canova, Scalucce, Monte Mezzano e la zona della Cola. Si scende adesso dal Monte Tosato per ampio sentiero passando a fianco di una piramide dell’Enel (5,4 km). Adesso si hanno due possibilità: o si guadagna la vicina strada asfaltata prendendo a sinistra e deviando ancora a sinistra in discesa in prossimità della segnaletica CAI, raggiungendo l’agriturismo Altobello. Oppure, prima dell’asfalto, si piega a destra nel bosco stando sotto un evidente uliveto per poi prendere uno stradello che lo solca e che conduce ad una sbarra (anche se qui è presente il cartello di divieto di transito). In breve si raggiunge l’agriturismo Altobello. Qui, in prossimità di un capitello, si prende l’ampio sterrato verso sud. Percorrendolo fino alla devizzione per la contrada Calzarega. Si segue poi il sentiero segnato CAI fino alla sua conclusione in via Monte Ongarine. Qui si piega tutto a sinistra, oltrepassando il ponte e giungendo al punto di partenza (9km 280 m dislivello).

Il percorso si svolge completamente all'interno del SIC IT3210012  Borago-Galina.

I CONFINI DEL SIC

Seguiamo la linea di confine del SIC IT3210012.
Si parte dal solco del vaio di Avesa, proprio a monte delle ultime case del paese, prima della trattoria Da Milio. Il confine del SIC corre lungo la via Monte Ongarine, scende lungo il vaio costeggiando l’abitato di Avesa fino a via Gazzo e di lì sale sulla collina e si affaccia sul paese di Quinzano. Segue il crinale verso il monte Crocetta e poi verso la sommità del Monte Ongarine. Passa sopra la Calzarega e sotto la villa Tre Tempi. All’altezza del maneggio Città di Verona prende la strada interna che sale in costa nel vaio di Quinzano (via volte Maso) e raggiunge la corte del Maso. Qui svolta a dx sulla stradina bianca che sale al Masetto Alto e poi segue il sentiero che dal Masetto Alto porta a Montecchio. Lambisce a sud il caseggiato di Montecchio e segue la strada provinciale che porta al bivio per Grezzana. Continua fino alle Case Vecchie e poco dopo, all’altezza dei Coatti, abbandona la strada provinciale 34/B e continua in quota passando a ovest del Rovero. Fiancheggia i Gaspari e prosegue sulla strada che porta a Ca’ Squaranti. Continua lungo via San Vincenzo e poi lungo via Bonuzzo Sant’Anna. Passa a lato delle torri 4 e 3 e piega a dx su via delle Maragnole. Raggiunge la via Monte Arzan e arriva al fondo del vaio da dove siamo partiti.

All’interno di questo territorio, che la Comunità europea ha messo sotto tutela dal 1992, in questi 20 anni ne sono successe di tutti i colori: villette abusive fatte passare per ricoveri attrezzi, sbancamenti di ettari di terreno per far posto a vigneti e oliveti, strade aperte con ruspe e mezzi meccanici, distruzione di ampi tratti dei crinali per far posto a costruzioni di vario tipo, chiusura di sentieri e recinzione di quasi tutte le proprietà con reti impenetrabili per gli animali, sentieri nei boschi trasformati in piste da trial e da motocross, manufatti storici e tabelle segnaletiche demoliti dai vandali.

Sembra che l’amministrazione comunale di Verona, sotto la cui giurisdizione ricade gran parte del SIC in questione, si sia completamente dimenticata dell’esistenza di una normativa specifica di tutela e della sua responsabilità di salvaguardare la naturalità e la biodiversità di almeno una piccola percentuale del territorio.

La completa acquiescenza delle autorità ad ogni genere di abuso ha convinto i nostri concittadini che ognuno è appunto padrone a casa sua e può quindi fare quello che gli pare, in barba a qualsiasi legge e normativa.
Peccato che di questo passo in pochi anni stiamo distruggendo tutto quello che è stato conservato per secoli dai nostri progenitori, certamente più saggi e lungimiranti di noi.

Per approfondimenti:
http://www.veramente.org/wp/?p=7025
http://www.veramente.org/wp/?p=6815
http://www.veramente.org/wp/?p=6791
http://www.veramente.org/wp/?p=6761
http://www.veramente.org/wp/?p=1204
http://www.veramente.org/wp/?p=881
http://www.veramente.org/wp/?p=495
 

Markers - Way point

Inizio Strada del Borago

Punto di partenza del giro, all'incrocio della Strada del Borago con via Benini, sopra Avesa. Si può parcheggiare un centinaio di metri prima.

Contrada Borago

Bivio CAI * Montecchio

Sorgente a dx

Bivio sentiero a dx

Sembra un falso allarme: a destra del sentiero principale parte un sentiero che potrebbe portare su sul versante orografico sinistro. Da indagare.


Bivio a sx (dopo scale)

E' un evidente bivio: il seniero CAI per MOntecchio prosegue a destra. Delle macchie di colore arancio fosforescente sugli alberi indica il percorso.

Monte Tosato

Piramide ENEL 556228

Sbarra (oliveto; divieto di passaggio)

Agriturismo Altobello

Croce della Calzarega

Verona, Vaio Borago, Romitorio, Altobello, Calzarega, Avesa

Percorso molto affascinante risalendo il fondo del Vaio fino alle scalette metalliche per poi guadagnare quota e ridiscendere il versante destro del Vaio fino ad Avesa.

Come arrivare

Dall'imbocco del Vaio Borago, a monte del paese di Avesa.

8,8 km; 3-4 ore; 300 metri.

Da fare solo con tempo secco a causa della concomitanza del percorso col letto del fiume. Scalette esposte. Sentiero in quota poco segnalato. Il passaggio nel bosco sotto l'uliveto, per evitare il tratto di asfalto sopra l'Agriturismo Altobello, è un po' ... intricato!

misto

Tutte

Presente
Non viene effettuata la manutenzione
CV
a piedi 
  • thumb
    Vasca di acqua corrente sul fondo del vaio
  • thumb
    Phyllitis scolopendrium, Polypodiaceae. Lingua di cervo, Felci.
  • thumb
    Camera finale del vaio con parete a strapiombo di 20 m.
  • thumb
    Scalette metalliche
  • thumb
    Capitello di San Giuseppe all'agritutismo Altobello
  • thumb
    Pioppo enorme

Legenda simboli

albero monumentale Albero monumentale area archeologica Area di interesse archeologico bosco Bosco
casa / rifugio / centro abitato Casa / Rifugio / Centro abitato chiesa Chiesa cippo Cippo / Monumento
area di interesse geologico Area di interesse geologico incrocio Incrocio punto panoramico Punto panoramico
punto piu alto Punto più alto sul percorso segnavia Segnavia sorgente Sorgente
partenza estpartenza nordpartenza ovestpartenza sud Partenza verso...            

Iniziativa realizzata con il contributo di
Regione del Veneto - Assessorato alle Politiche sociali, Volontariato e Non Profit
Fondazione Cariverona
Ser.i.t. srl
 

© 2017 - Colline Veronesi

Progetto promosso dall'Associazione di Promozione Sociale IL CARPINO | info@collineveronesi.it